Ingresso del familiare del minore straniero nel territorio nazionale e conseguenze nel suo sviluppo psicofisico.  Cass. civ., Sez. VI - 1, Ord., 23 giugno 2020, n. 12269

Ingresso del familiare del minore straniero nel territorio nazionale e conseguenze nel suo sviluppo psicofisico. Cass. civ., Sez. VI - 1, Ord., 23 giugno 2020, n. 12269

I gravi motivi connessi con lo sviluppo psicofisico del minore, che consentono la temporanea autorizzazione alla permanenza in Italia del suo familiare, secondo la disciplina prevista dal D.Lgs. n. 286 del 1998, art. 31, devono consistere in situazioni oggettivamente gravi, comportanti una seria compromissione dell'equilibrio psicofisico del minore, non altrimenti evitabile se non attraverso il rilascio della misura autorizzativa. La normativa in esame, infatti, non può essere intesa come volta ad assicurare una generica tutela del diritto alla coesione familiare del minore e dei suoi genitori, cosicché sul richiedente l'autorizzazione incombe, pertanto, l'onere di allegazione della specifica situazione di grave pregiudizio che potrebbe derivare al minore.

 

Cass. civ., Sez. VI - 1, Ord., 23 giugno 2020, n. 12269; Pres. Scaldafferri, Rel. Cons. Iofrida per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

I gravi motivi connessi con lo sviluppo psicofisico del minore, che consentono la temporanea autorizzazione alla permanenza in Italia del suo familiare, secondo la disciplina prevista dal D.Lgs. n. 286 del 1998, art. 31, devono consistere in situazioni oggettivamente gravi, comportanti una seria compromissione dell'equilibrio psicofisico del minore, non altrimenti evitabile se non attraverso il rilascio della misura autorizzativa. La normativa in esame, infatti, non può essere intesa come volta ad assicurare una generica tutela del diritto alla coesione familiare del minore e dei suoi genitori, cosicché sul richiedente l'autorizzazione incombe, pertanto, l'onere di allegazione della specifica situazione di grave pregiudizio che potrebbe derivare al minore.

 

Focus on