Consulta. Rivolto alla Corte di Giustizia UE il riconoscimento degli assegni di natalità e di maternità agli stranieri extracomunitari - Corte cost., Ord., 30 luglio 2020, n. 182

Consulta. Rivolto alla Corte di Giustizia UE il riconoscimento degli assegni di natalità e di maternità agli stranieri extracomunitari - Corte cost., Ord., 30 luglio 2020, n. 182

Consulta. Rivolto alla Corte di Giustizia UE il riconoscimento degli assegni di natalità e di maternità agli stranieri extracomunitari

 

giovedì, 6 agosto 2020
Giurisprudenza | Legittimità | Assegni familiari | Stranieri
Corte cost., Ord., 30 luglio 2020, n. 182 – Pres. Cartabia per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

La Corte Costituzionale ha sottoposto alla Corte di giustizia dell'Unione europea, la seguente questione pregiudiziale: se l'art. 34 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea (CDFUE), proclamata a Nizza il 7 dicembre 2000 e adattata a Strasburgo il 12 dicembre 2007, debba essere interpretato nel senso che nel suo àmbito di applicazione rientrino l'assegno di natalità e l'assegno di maternità, in base all'art. 3, paragrafo 1, lettere b) e j), del regolamento (CE) n. 883/2004, del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, relativo al coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale, richiamato dall'art. 12, paragrafo 1, lettera e), della direttiva 2011/98/UE, del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda per il rilascio di un permesso unico, e se, pertanto, il diritto dell'Unione debba essere interpretato nel senso di non consentire una normativa nazionale che non estende agli stranieri titolari del permesso unico di cui alla medesima direttiva le provvidenze sopra citate, già concesse agli stranieri titolari di permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo.

Assegno di divorzio - assegno di natalità e assegno di maternità – Rif. Leg. art. 74 del D.Lgs. n. 151 del 2001

Focus on