La successione nella casa coniugale avviene solo sull'immobile effettivamente abitato dal de cuius prima della morte e non su altre abitazioni. Cass. civ., Sez. VI - 2, Ord., 22 giugno 2020, n. 12042

La successione nella casa coniugale avviene solo sull'immobile effettivamente abitato dal de cuius prima della morte e non su altre abitazioni. Cass. civ., Sez. VI - 2, Ord., 22 giugno 2020, n. 12042

Il diritto di abitazione, che la legge riserva al coniuge superstite (art. 540 c.c., comma 2), può avere ad oggetto soltanto l'immobile concretamente utilizzato prima della morte del de cuius come residenza familiare. Il suddetto diritto, pertanto, non può mai estendersi ad un ulteriore e diverso appartamento, autonomo rispetto alla sede della vita domestica, ancorché ricompreso nello stesso fabbricato, ma non utilizzato per le esigenze abitative della comunità familiare.

Focus on