Divorzio e ripartizione dell'assegno di reversibilità. Cass. civ. Sez. I, Ord., 15 giugno 2020, n. 11520

Divorzio e ripartizione dell'assegno di reversibilità. Cass. civ. Sez. I, Ord., 15 giugno 2020, n. 11520

 

In tema di attribuzione delle quote della pensione di reversibilità ex art. 9, L. 1 dicembre 1970, n. 898, a favore dell'ex coniuge divorziato e del coniuge già convivente e superstite, la ripartizione del trattamento economico va effettuata, oltre che sulla base del criterio primario della durata dei rispettivi matrimoni, anche ponderando ulteriori elementi, quali l'entità dell'assegno di mantenimento riconosciuto all'ex coniuge, le condizioni economiche dei due e la durata delle rispettive convivenze prematrimoniali, in forza del principio solidaristico, secondo cui il meccanismo divisionale non è strumento di perequazione economica fra le posizioni degli aventi diritto, ma è preordinato alla continuazione della funzione di sostegno economico, assolta a favore dell'ex coniuge e del coniuge convivente, durante la vita del dante causa, rispettivamente con il pagamento dell'assegno di divorzio e con la condivisione dei rispettivi beni economici da parte dei coniugi conviventi.


 

Focus on