Contro il rischio di comportamenti manipolatori sanzione indiretta. Tribunale di Bari, 30 maggio 2020

Contro il rischio di comportamenti manipolatori sanzione indiretta. Tribunale di Bari, 30 maggio 2020

sanzione pecuniaria ex art. 614-bis cpc per scoraggiare i comportamenti ostruzionistici, ma anche lassisti di un genitore, consapevoli o inconsapevoli, tali da produrre nei figli il rifiuto dell'altra figura genitoriale

sabato, 20 giugno 2020
Giurisprudenza | Responsabilità genitoriale | Responsabilità civile | Merito
sezione di Bari
Tribunale di Bari, Est. De Simone, Ordinanza 30.05.2020 per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Il provvedimento emesso ai sensi dell'art. 4, comma 8 della L.898/70, risulta interessante per l'applicazione dell'art. 614 bis cpc quale sanzione coercitiva indiretta nei confronti della genitrice collocataria ed in relazione alla possibile trasgressione da parte di quest'ultima nella "consegna" delle figlie minori al padre non convivente e vieppiù in relazione alla recentissima Cass. civ. 6471/2020 che, in tema di diritto-dovere di visita del figlio minore, ha ritenuto non applicabile la misura coercitiva di cui alla richiamata norma processuale al genitore che non lo eserciti.

La decisione si inserisce in un contesto in cui anche dagli accertamenti peritali effettuati nel giudizio di separazione pure ancora pendente ed agli atti del giudizio divorzile, emergevano comportamenti della madre quanto meno non favorenti i rapporti tra le minori ed il padre, omettendo di educarle al suo rispetto e "non facendo loro comprendere adeguatamente l'importanza di mantenere vivo un costante e valido rapporto affettivo" con lui.

Il Giudice riafferma quindi il principio (già enunciato da Cass. Civ. 21.2.2014 n. 4176) secondo cui "costituisce dovere primario di ogni buon genitore quello di aiutare il figlio a superare le difficoltà relazionali con l'altro genitore createsi in conseguenza della separazione e di evitare, di conseguenza, il rischio di cristallizzazione del rifiuto degli incontri".


Massima a cura di Marilena Lanzellotto, responsabile Ondif regione Puglia

Focus on