Le molestie a chiaro scopo sessuale si possono concretizzare anche sui social network. Cass. pen. Sez. I, Sent., 26 maggio 2020, n. 15835;

Le molestie a chiaro scopo sessuale si possono concretizzare anche sui social network. Cass. pen. Sez. I, Sent., 26 maggio 2020, n. 15835;

Ripetute e pressanti avances tramite il social network Facebook ovvero tramite l'applicativo Whatsapp, al fine di organizzare incontri o intavolare conversazioni di chiaro contenuto sessuale, integrano il reato di molestia.

Focus on