Non permettere gli incontri fra padre e figli è un inadempimento in mala fede e non una mera inosservanza dell'obbligo.  Cass. pen. Sez. VI, Sent., 27 aprile 2020, n. 12976;

Non permettere gli incontri fra padre e figli è un inadempimento in mala fede e non una mera inosservanza dell'obbligo. Cass. pen. Sez. VI, Sent., 27 aprile 2020, n. 12976;

In tema di responsabilità penale, ai fini della configurazione del reato di cui all’art. 388 comma 2, c.p., concernente l'elusione di un provvedimento del giudice relativo all'affidamento di minori, il concetto di elusione non può equipararsi puramente e semplicemente a quello di inadempimento, occorrendo, affinché possa concretarsi il reato, che il genitore affidatario si sottragga, con atti fraudolenti o simulati, all'adempimento del suo obbligo di consentire le visite del genitore non affidatario, ostacolandole, appunto, attraverso comportamenti implicanti un inadempimento in mala fede e non riconducibile ad una mera inosservanza dell'obbligo.

Focus on