Genitori co-amministratori di sostegno del figlio per potenziare l'assetto bigenitoriale. Tribunale di Ravenna, 6 marzo 2020

Genitori co-amministratori di sostegno del figlio per potenziare l'assetto bigenitoriale. Tribunale di Ravenna, 6 marzo 2020

sabato, 28 marzo 2020
Giurisprudenza | Amministrazione di Sostegno | Merito
sezione di Ravenna
Tribunale di Ravenna, decreto del Giudice Tutelare Galante, 6.03.2020 per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Amministrazione di sostegno - istanza di nomina di co-amministratore a favore di figlio disabile - comune abnegazione dei genitori a favore del figlio.La richiesta dell'Ads si fonda sulla necessità di non far venire meno il rapporto bigenitoriale.La nomina di un genitore ad Ads del figlio non priva quest'ultimo dell'affetto, della vicinanza morale e materiale dell'altro genitore, ma effettivamente depotenzia l'assetto bigenitoriale di rappresentanza del figlio e di amministrazione dei suoi beni, in tutti quei casi in cui il figlio, pur maggiorenne, si trovi di fatto nelle stesse condizioni psicofisiche di un minore, a causa delle patologie da cui è affetto.Appare opportuno differenziare i poteri da conferire ai due genitori-amministratori di sostegno: cura della persona e gestione del patrimonio. Firma disgiunta per atti di ordinaria amministrazione e iniziativa congiunta per atti di straordinaria amministrazione, sempre previa autorizzazione del Giudice Tutelare.

* Si ringrazia l'avv. Cecilia Semprini, presidente sez. Ondif Ravenna.
** Un precedente che esprime lo stesso orientamento è il decreto del Giudice Tutelare di Genova, Dott. Pellegrini, del 17.12.2015, pubblicato anche qui; e per la nota a commento dell'avv. Laura Provenzali su www.personaedanno.it basta linkare qui.

Focus on