Potere educativo da esercitarsi con mezzi consentiti e proporzionati alla gravità del comportamento deviante del minore. Cass. pen. 27 febbraio 2020, n. 7969

Potere educativo da esercitarsi con mezzi consentiti e proporzionati alla gravità del comportamento deviante del minore. Cass. pen. 27 febbraio 2020, n. 7969

mercoledì, 18 marzo 2020
Giurisprudenza | Scuola | Legittimità
Cass. pen. Sez. VI, Sent., 27 febbraio 2020, n. 7969 per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

In ambito scolastico, il potere educativo o disciplinare, quale che sia l'intenzione del soggetto attivo, deve sempre essere esercitato con mezzi consentiti e proporzionati alla gravità del comportamento deviante del minore, senza superare i limiti previsti dall'ordinamento o consistere in trattamenti afflittivi dell'altrui personalità, sicché integra il reato di abuso dei mezzi di correzione o di disciplina il comportamento dell'insegnante che faccia ricorso a qualunque forma di violenza, fisica o morale, ancorché minima ed orientata a scopi educativi.

Focus on