L'obbligo del preventivo scritto impone un onere probatorio a carico del professionista, pena la mancata concessione della provvisoria esecuzione. Trib. di Verona, ord. del 27 febbraio 2020, est. Dott. Massimo Vaccari

L'obbligo del preventivo scritto impone un onere probatorio a carico del professionista, pena la mancata concessione della provvisoria esecuzione. Trib. di Verona, ord. del 27 febbraio 2020, est. Dott. Massimo Vaccari

giovedì, 27 febbraio 2020
Giurisprudenza | Esecuzione | Merito
sezione di Verona
apri il documento allegato per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Il tribunale di Verona ha negato la provvisoria esecuzione al decreto ingiuntivo, in base ad una prima sommaria valutazione, ritenendo che un preventivo verbale non può ritenersi ammissibile dopo l'introduzione dell'obbligo di preventivo scritto ha istituto un onere probatorio a carico del professionista intellettuale; l'assenza di un preventivo, invece, stante il carattere urgente della procedura introdotta poteva ritenersi manifestato come un tacito consenso all'esonero del professionista da tale obbligo.

Focus on