Quando l'attività lavorativa dei figli può esonerare il genitore dal loro mantenimento. Tribunale di Brescia, 9 gennaio 2020

Quando l'attività lavorativa dei figli può esonerare il genitore dal loro mantenimento. Tribunale di Brescia, 9 gennaio 2020

sabato, 29 febbraio 2020
Giurisprudenza | Mantenimento dei figli | Merito
sezione di Brescia
Tribnale di Brescia, decreto 9.01.2020, Est. Faraone per visualizzare l'allegato ├Ę necessario autenticarsi

Il padre, tenuto al versamento di €200 a figlio, promuoveva ricorso ex art. 9 L. divorzio allegando la sopraggiunta indipendenza lavorativa degli stessi.

I figli - maggiorenni - si erano diplomati ad una scuola di acconciature, non percepivano una retribuzione da lavoro dipendente ma godevano di una posizione contributiva in qualità di coadiuvanti nell'azienda materna.

Per il Tribunale: sebbene non risultino retribuiti come lavoratori dipendenti, i due ragazzi, per formazione ed età, hanno comunque maturato una capacità lavorativa adeguata agli studi condotti, finalizzati all'abilitazione all'esercizio della professione di acconciatore; entrambi godono, della concreta possibilità di mettere a frutto le rispettive esperienze formative  maturate proprio presso l'impresa di acconciature della madre; essi, dunque, pur non risultando formalmente percettori di reddito, senz'altro versano in una condizione di idoneità allo stabile inserimento nel mondo del lavoro e ciò vale ad escludere il mantenimento da parte dei genitori.


* Si ringrazia l'avv. Maria Grazia Castauro, associato Ondif sez. Brescia.

Focus on