Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • domenica 29 dicembre 2019

    sezione di Verona

    La madre ha una capacità professionale pregressa che è suo onere mettere a frutto. Tribunale di Verona, 19 novembre 2019

    Tra genitori non coniugati lo stato di disoccupazione della madre non rileva ai fini della quantificazione del contributo al mantenimento per il minore, se questa ha una capacità ed un'età che le consente di inserirsi adeguatamente nel mondo del lavoro.
    Il tribunale di Verona ha respinto la domanda di affidamento esclusivo della madre (subordinatamente quella di affido condiviso) nonché l'autorizzazione al trasferimento in altra città. Non sono state ritenute condivisibili le motivazioni inerenti lo stato di disoccupazione, effetto di una scelta volontaria. Inoltre, è stata ridimensionata la domanda di riconoscimento di un contributo al mantenimento per il figlio, atteso che la stessa è priva di occupazione, pur avendo un'età che le consente ancora di inserirsi utilmente nel mondo del lavoro e una capacità professionale pregressa che è suo onere mettere a frutto.
    Interessante la circostanza che il decreto sia stato emesso in via provvisoria, con possibile rivalutazione, avendo i servizi evidenziato la necessità di un approfondimento delle competenze genitoriali delle parti.


    * Si ringrazia l'avv. Barbara Maria Lanza del Foro di Verona.