Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • sabato 23 novembre 2019

    Gli Ermellini ribadiscono i principi espressi dalla sentenza n. 18287 del 2018 delle Sezioni Unite. Cass. civ. Sez. VI - 1, Ord., 12 novembre 2019, n. 29317 – Pres. Scaldaferri, Cons. Rel. Tricomi

    Il giudizio, funzionale alla natura assistenziale e perequativo-compensativa dell'assegno divorzile, dovrà essere espresso, in particolare, alla luce di una valutazione comparativa delle condizioni economico-patrimoniali delle parti, in considerazione del contributo fornito dalla richiedente alla conduzione della vita familiare ed alla formazione del patrimonio comune, nonchè di quello personale di ciascuno degli ex coniugi, in relazione alla durata del matrimonio ed all'età dell'avente diritto.