Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • mercoledì 6 novembre 2019

    L'assegno divorzile oltre alla natura assistenziale, ha anche natura perequativo-compensativa. Cass. civ. Sez. VI - 1, Ord., 30 ottobre 2019, n. 27771 - Pres. Genovese, Rel Cons. Bisogni

    Tale natura complessa deriva direttamente dal principio costituzionale di solidarietà ed è volto alla individuazione di un contributo che garantisca al richiedente non il conseguimento dell’autosufficienza economica, ma il raggiungimento in concreto di un livello reddituale adeguato al contributo fornito nella realizzazione della vita familiare. In particolare, si deve tenere conto delle aspettative professionali sacrificate, ma la funzione equilibratrice del reddito degli ex coniugi non mira alla ricostruzione del tenore di vita endoconiugale, ma piuttosto al riconoscimento del ruolo e del contributo fornito dall’ex coniuge economicamente più debole alla formazione del patrimonio della famiglia e di quello personale degli ex coniugi.