Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • giovedì 31 ottobre 2019

    sezione di Padova

    Lo squilibrio economico tra i coniugi non è sufficiente a giustificare il riconoscimento di un contributo economico all'ex coniuge. Tribunale di Rovigo, 5 settembre 2019

    La radicale mancanza di una funzione assistenziale dell'assegno divorzile richiesto, ma anche di una funzione compensativa, preclude il riconoscimento di un assegno con funzione esclusivamente perequativa: diversamente argomentando, l'attribuzione di un assegno con funzione esclusivamente correttiva e riequilibratrice della situazione economica degli ex coniugi condurrebbe verso l'attribuzione di un vantaggio “indebito” in favore del richiedente l'assegno, ovvero di un vantaggio superiore rispetto alle sue concrete esigenze e rispetto al ruolo assunto all'interno della famiglia. Il riconoscimento dell'assegno divorzile in siffatte ipotesi condurrebbe verso la creazione di vere e proprie “rendite di posizione” disancorate da una reale esigenza assistenziale ovvero dal riconoscimento del contributo fornito dall'ex coniuge nella formazione del patrimonio comune o personale dell'altro, così frustrando la ratio dell'istituto giuridico.


    * si ringrazia l'avv. Micaela Sedea del Foro di Padova.