Il giudice può provvedere in merito all'educazione religiosa del minore nel giudizio di separazione. Cass. civ. 30 agosto 2019, n. 21916; Pres. Giancola; Rel. Bisogni.

Il giudice può provvedere in merito all'educazione religiosa del minore nel giudizio di separazione. Cass. civ. 30 agosto 2019, n. 21916; Pres. Giancola; Rel. Bisogni.

mercoledì, 11 settembre 2019
Giurisprudenza | Affidamento dei figli | Legittimità
apri il documento allegato per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

In tema di affidamento dei figli, il criterio fondamentale cui deve attenersi il giudice nel fissare le relative modalità, in caso di conflitto genitoriale, è quello del superiore interesse del minore, stante il suo diritto preminente ad una crescita sana ed equilibrata, sicché il perseguimento di tale obiettivo può comportare anche l'adozione di provvedimenti, relativi all'educazione religiosa, contenitivi o restrittivi dei diritti individuali di libertà dei genitori, ove la loro esplicazione determinerebbe conseguenze pregiudizievoli per il figlio, compromettendone la salute psico-fisica o lo sviluppo. La possibilità da parte del giudice di adottare simili provvedimenti può dipendere esclusivamente dall'accertamento in concreto di conseguenze pregiudizievoli per il figlio che ne compromettano la salute psico-fisica e lo sviluppo e tale accertamento non può che basarsi sull'osservazione e sull'ascolto del minore in quanto solo attraverso di esse tale accertamento può essere compiuto.

Focus on