Il concetto di autosufficienza nell'assegno divorzile non deve essere limitato alla mera sopravvivenza. Cass. civ. Sez. I, 9 agosto 2019, n. 21228 – Pres. Giancola, Rel. Di Marzio

Il concetto di autosufficienza nell'assegno divorzile non deve essere limitato alla mera sopravvivenza. Cass. civ. Sez. I, 9 agosto 2019, n. 21228 – Pres. Giancola, Rel. Di Marzio

mercoledì, 4 settembre 2019
Giurisprudenza | Separazione e divorzio | Legittimità
Cass. civ. Sez. I, 9 agosto 2019, n. 21228 – Pres. Giancola, Rel. Di Marzio per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

L'assegno divorzile risponde anzitutto e per lo più ad un'esigenza assistenziale, potendo in taluni casi, però, rispondere, in tutto o in parte, ad una finalità compensativo-perequativa, tanto in ipotesi in cui il coniuge richiedente sia economicamente autosufficiente, ed allora la finalità sarà solo compensativo-perequativa, tanto in ipotesi in cui il coniuge richiedente non sia economicamente autosufficiente, ed allora la finalità sarà compensativo-perequativa ed assorbirà quella assistenziale.

L'accertamento che il giudice effettuava nello scrutinare il tenore di vita non è l'accertamento che occorre compiere al fine di verificare se sussistano i presupposti per il riconoscimento dell'assegno in funzione compensativo-perequativa: nell'un caso era necessario e sufficiente stabilire quale fosse il tenore di vita della coppia in costanza di matrimonio e quale fosse il tenore di vita che poteva permettersi l'ex coniuge richiedente dopo il divorzio; nell'altro caso occorre oggi stabilire, superato lo scrutinio del profilo dell'autosufficienza, ove vi sia una prospettazione in tal senso, se, a causa del matrimonio, si sia determinato uno spostamento patrimoniale, meritevole di riequilibrio attraverso l'assegno, da un coniuge all'altro.

Il giudice deve, quindi, quantificare l'assegno rapportandolo non al pregresso tenore di vita familiare, ma in misura adeguata innanzitutto a garantire, in funzione assistenziale, l'indipendenza economica del coniuge non autosufficiente, intendendo l'autosufficienza in una accezione non circoscritta alla pura sopravvivenza, ed inoltre, ove ne ricorrano i presupposti, a compensare il coniuge economicamente più debole, in funzione perequativo-compensativa, del sacrificio sopportato per aver rinunciato, in funzione della contribuzione ai bisogni della famiglia, a realistiche occasioni professionali-reddituali, attuali o potenziali, rimanendo in ciò assorbito, in tal caso, l'eventuale profilo assistenziale.

Focus on