Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • martedì 27 agosto 2019

    sezione di Verona

    La rappresentazione opaca della situazione economica non consente la richiesta riduzione dell'assegno. Tribunale di Verona, 31 luglio 2019

    Giudizio di divorzio - assegno di mantenimento ex art. 5 comma 6 L.898/70 - contestato riconoscimento economico non per raggiunta indipendenza della moglie, ma per intervenuta incapacità economica del marito.
    Questione dell'an dell'assegno: da risolversi alla luce della comparazione delle rispettive situazioni economico reddituali.
    Richiesta riduzione dell'assegno disposto in sede presidenziale.
    Giudizio composito, da svolgersi in prospettiva futura - di autosufficienza economica, necessario ai fini del riconoscimento dell’assegno divorzile.
    Durata ultraventennale del matrimonio - mancato svolgimento di attività lavorativa da parte della moglie in costanza di matrimonio e all'attualità.
    Mancata prova del riferito deterioramento delle condizioni economiche del ricorrente, il quale ha fornito una non completa e plausibile rappresentazione della sua situazione economico reddituale.
    Richiesta di versamento diretto di somme da parte del datore di lavoro. Azione diretta esecutiva esperibile dal creditore in forza dell'art. 8 L. 898/70.