Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
mercoledì 22 gennaio 2020 - Si è tenuta il 21 gennaio u.s. la sessione del comitato delle Associazioni specialistiche presso il CNF. mercoledì 22 gennaio 2020 - Riunione della redazione della Rivista “Osservatorio sul diritto di famiglia. Diritto e processo mercoledì 8 gennaio 2020 - Master universitario “Diritto e processo della famiglia e dei minori” ai nastri di partenza. Proroga termine iscrizione al 30 marzo 2020 domenica 29 dicembre 2019 - Il Consiglio di Stato ha espresso parere favorevole allo schema di decreto ministeriale sulle specializzazioni forensi venerdì 13 dicembre 2019 - Master in Diritto e processo della famiglia e dei minori. martedì 10 dicembre 2019 - Per gli accordi di separazione omologati, l'esenzione dalle imposte di bollo, di registro e da ogni altra tassa è senza tempo. Agenzia Entrate, risposta 493.2019 mercoledì 4 dicembre 2019 - Facoltà del padre di fruire dei riposi giornalieri di cui all’articolo 40 del D.lgs 26 marzo 2001, n. 151 (T.U. sulla maternità e paternità) durante periodo di maternità spettante alla madre lavoratrice autonoma. Circolare Inps 140 del 18 novembre 2019. giovedì 16 gennaio 2020 - Una nuova iniziativa dell’Osservatorio nazionale sul diritto di famiglia: Master di primo livello su “Diritto e processo della famiglia e dei minori”, un’occasione per la specializzazione degli avvocati nei diritti della persona, delle relazioni familiari e dei minori. mercoledì 23 ottobre 2019 - Spese sostenute dai genitori adottivi per l'espletamento della procedura di adozione Articolo 10, comma 1, lett l-bis) del TUIR Assegno per il nucleo familiare. Accertamento del diritto a maggiorazione di importo in caso di nucleo con componenti minorenni inabili.
  • venerdì 9 agosto 2019

    sezione di Verona

    L'azione diretta verso il datore di lavoro dell'obbligato è già insta nel titolo del beneficiario dell'assegno di mantenimento. Non è ammessa la domanda anche in sede di divorzio. Tribunale di Verona, sent. 31 luglio 2019 n. 1774

    Il Tribunale di Verona ha confermato il diritto a percepire anche in sede di divorzio il contributo al mantenimento concordato dai coniugi in sede di separazione. Ha ritenuto, altresì, che la ripartizione tra i coniugi in sede di separazione di un cospicuo patrimonio immobiliare non incida sul riconoscimento del diritto all’assegno divorzile dell’avente diritto, trattandosi di questioni già risolte in quella sede.  Il Giudice di primo grado ha censurato, inoltre, la non trasparenza dell’obbligato che, nonostante i richiami, non ha prodotto documentazione ritenuta rilevante ai fini della decisione (in particolare non hanno trovato giustificazione importanti bonifici fatti dalla compagna nel conto corrente dell’obbligato). Il tribunale, invece, ha ritenuto inammissibile confermare in sentenza la pronuncia ottenuta in corso di causa ex art 156, VI com c.c., con la quale si prevedeva la distrazione del contributo versato dall’obbligato direttamente dalla sua retribuzione. Infatti, nel caso di specie, precisa il Giudice veronese, soccorre la norma di cui all’art 8 legge 898/70, in virtù della quale il beneficiario dell’assegno ha un titolo diretto per agire nei confronti del datore di lavoro dell’obbligato. Pertanto non ha accolto la relativa domanda.


    Si ringrazia la Collega Barbara Maria Lanza, Responsabile Ondif Regione Veneto, per la cortese segnalazione del provvedimento.