Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • giovedì 4 luglio 2019

    sezione di Prato

    Eclatanti le differenze fra il vecchio ed il nuovo corso in tema di assegno di divorzio. Tribunale di Firenze, 26 aprile 2019

    Il Tribunale di Firenze nega l'assegno di divorzio all'ex coniuge - che in regime di separazione  percepiva un mantenimento  €.7.700,00 al mese, poi ridotto ad €. 5.000,00 in sede di udienza presidenziale nel giudizio di scioglimento di matrimonio - affermando che, da una parte la moglie non ha contribuito alla formazione del  cospicuo patrimonio del marito, in larga parte di provenienza  ereditaria  e dall'altra che la medesima, con quanto ricevuto in sede di separazione,  abbia avuto una disponibilità di beni e danaro  tale, da non poter essere considerata priva di adeguati mezzi di sussistenza.
    Non sussistono quindi i presupposti di natura compensativa, né quelli di natura assistenziale.
    Singolare il richiamo ai più stringenti presupposti di Cass. 11504/17 (in luogo di SS.UU. 18287/18).


    * si ringrazia l'avv. Pietro Zaccagnini, Presidente della sezione di Prato, per la segnalazione