Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • sabato 22 giugno 2019

    Durante il travaglio l'evento infausto colpisce il nascituro già persona. Corte di Cassazione penale 20 giugno 2019 n. 27539

    Manovre durante il parto - omesso monitoraggio fetale - responsabilità per omessa comunicazione delle complicanze. 
    Differenze fra consumazione del reato di omicidio colposo - art. 589 c.p. e procurato aborto - L. 194/1978.
    Quest'ultimo si realizza in momento precedente il distacco del feto dall'utero materno - dal momento del distacco del feto dall'utero materno si tratta di neonato, come tale si configura omicidio.
    Improprio utilizzo del termine feto di cui all’art. 578 c.p. - il nascente non è più feto in senso biologico, né in senso giuridico, bensì persona. 
    L’autore della condotta non risponde del reato di procurato aborto ex L.194/1978.
    Il discrimine è dato dal momento del distacco, naturale ovvero indotto, del feto dall'utero materno.