Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 7 giugno 2019

    sezione di Verona

    Le vessazioni psicologiche perduranti sono lesive dell'integrità psicofisica. Tribunale di Verona, 4 giugno 2019

    Ordini di protezione - provvedimenti a seguito dell'istruttoria.
    Condotte di costante vessazione psicologica, di intimidazione, di prevaricazione del resistente nei confronti della moglie, lesa nella sua dignità, sminuita come donna, moglie e madre - reiterate e tali da determinare conseguenze patologiche sempre più gravi per la ricorrente, relegata in una posizione di sudditanza psicologica, di paura, incapacità di reagire, di frustrazione per l’incapacità di tutelare la figlia.
    Prostrazione psichica della moglie e della figlia.
    Sussiste il grave pregiudizio all’integrità fìsica o morale ovvero alla libertà dell’altro coniuge.
    Anche l’accumulo sistematico di oggetti nell’abitazione coniugale costituisce una limitazione della libertà del coniuge.

    Il Tribunale conferma l'ordine di protezione già emesso inaudita altera parte: a questo link è possibile scaricare il provvedimento interlocutorio del 8.05.19.


    * Si ringraziano l'avv. Barbara Lanza e l'avv. Marika De Bona.