Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 7 giugno 2019

    sezione di Genova

    Sulla privacy prevale il diritto alla difesa purché esercitato correttamente. Tribunale di Genova 30 maggio 2019

    Giudizio di separazione - domanda (del marito) di addebito per violazione obbligo di fedeltà - richiesta (della moglie) di assegno per il mantenimento.
    Onere della prova - pacifica l'infedeltà coniugale in quanto ammessa e confermata dai documenti prodotti - sulla resistente gravava l'onere di provare che la crisi fosse risalente nonché la mancanza di nesso causale.
    Violazione dell'obbligo di fedeltà comprovata dalle mail prodotte - eccepita l'inutilizzabilità per violazione della privacy - produzione di documenti contenenti dati personali in assenza del consenso del titolare: sempre consentita ove necessaria per far valere o difendere il proprio diritto - costituzionalmente garantito - di difesa, purché nel rispetto dei principi generali di correttezza, pertinenza e non eccedenza di cui alla legge 675/1996.
    Eccepito il difetto di nesso di causalità per essere intercorsi tre anni - crisi conclamata ed irreversibile nel 2015 - domanda presentata nel 2017 - inosservanza dell'obbligo di fedeltà violazione particolarmente grave, giustifica ex se l'addebito.


    * si ringrazia l'avv. Rita Bruno della sezione di Genova.