Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdý 10 maggio 2019

    sezione di Trieste

    Difficile equilibrio fra i principi di solidarietÓ ed autoresponsabilitÓ, tenuto conto dei caratteri compensativo, perequativo ed assistenziale. Corte d'Appello di Trieste 24 aprile 2019

    Le valutazioni effettuate dal Giudice di I grado per valorizzare - nel solco di Cass. SSUU 18287/2018 - i nuovi criteri per il riconoscimento dell'assegno, portano la Corte d'Appello a giudizio diametralmente opposto.
    Durata non eccessiva del matrimonio, assenza di figli, contributo fornito al mÚnage non particolarmente significativo, opzioni endomatrimonlali comunque condivise e non penalizzanti, prospettive lavorative concrete, contribuiscono a delineare un quadro complessivo che esclude la sussistenza dei presupposti legittimanti la corresponsione di un assegno.

    V. per gli esiti opposti la sentenza del Tribunale di Pordenone del 14 novembre 2018 a questo link

    Si ringrazia per la pronuncia la presidente Ondif Trieste, avv. Roberta Rustia.