Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • giovedý 18 aprile 2019

    Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e altre disposizioni in materia di tutela delle vittime di violenza domestica e di genere

    Il ddl approvato alla Camera dei deputati il 3 aprile scorso, passa ora al Senato.
    Sono previste modifiche al codice penale e di procedura penale come ad esempio il delitto di deformazione dell'aspetto della persona mediante lesioni permanenti al viso (nuovo art. 583-quinquies c.p.), punito con la reclusione da 8 a 14 anni. Quando dalla commissione di tale delitto consegua l'omicidio si prevede la pena dell'ergastolo. La riforma inserisce inoltre questo nuovo delitto nel catalogo dei reati intenzionali violenti che danno diritto all'indennizzo da parte dello Stato; il delitto di diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti senza il consenso delle persone rappresentate (c.d. Revenge porn, inserito all'art. 612-ter c.p. dopo il delitto di stalking), punito con la reclusione da 1 a 6 anni e la multa da 5.000 a 15.000 euro; la pena si applica anche a chi, avendo ricevuto o comunque acquisito le immagini o i video, li diffonde a sua volta al fine di recare nocumento agli interessati. La fattispecie Ŕ aggravata se i fatti sono commessi nell'ambito di una relazione affettiva, anche cessata, o con l'impiego di strumenti informatici; il delitto di costrizione o induzione al matrimonio (art. 558-bis c.p.), punito con la reclusione da 1 a 5 anni. La fattispecie Ŕ aggravata quando il reato Ŕ commesso in danno di minori e si procede anche quando il fatto Ŕ commesso all'estero da o in danno di un cittadino italiano o di uno straniero residente in Italia;il delitto di violazione dei provvedimenti di allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa (art. 387-bis), punito con la reclusione da 6 mesi a 3 anni. Sono previste anche modifiche al delitto di maltrattamenti contro familiari e conviventi (art. 572 c.p.) volte a: inasprire la pena; prevedere una fattispecie aggravata speciale (pena aumentata fino alla metÓ) quando il delitto Ŕ commesso in presenza o in danno di minore, di donna in stato di gravidanza o di persona con disabilitÓ, ovvero se il fatto Ŕ commesso con armi; considerare sempre il minore che assiste ai maltrattamenti come persona offesa dal reato. Inoltre, il delitto di maltrattamenti contro familiari e conviventi Ŕ inserito nell'elenco dei delitti che consentono nei confronti degli indiziati l'applicazione di misure di prevenzione, tra le quali Ŕ inserita la misura del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona da proteggere. Sono pertanto punite anche tutte quelle condotte verificate dall'uso della tecnologia volto solamente a punire e danneggiare i terzi che in precedenza non erano previste dato il rapido evolversi della strumentazione in oggi in possesso di un sempre maggior numero di individui.