Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdý 15 marzo 2019

    La diminuzione dei redditi del coniuge benestante pu˛ condurre alla modifica dell'assegno. Trib. Pavia 24 gennaio 2019

    La sentenza in oggetto merita attenzione per la cura con cui procede alla disamina di tutti gli elementi fattuali concernenti la vicenda e per come li colloca alla luce della giurisprudenza attuale. Il marito, assai benestante, aveva accordato all'ex moglie in sede di divorzio un cospicuo assegno. A distanza di anni, con una nuova famiglia e una nuova situazione reddituale, chiede la revisione dell'importo. Il Tribunale esamina i redditi, rivalutando gli importi a suo tempo dichiarati in sede di divorzio, per giungere alla conclusione che gli stessi, al di lÓ del dato nominale, avevano perso un notevole potere d'acquisto e come tale circostanz anon potesse essere ignoarata. Del pari, compie una valutazione sulle possibilitÓ lavorative del'ex moglie, la quale in buona sostanza, divorziata ancora giovane e titolare di un ottimo assegno, non si era spesa molto a cercare altro impiego: anche di tale dati il Triubnale dichiara di dovere tenere conto anche alla luce dlela nuova giurisprudenza. L'assegno viene dunque diminuito, tenendo per˛ conto nella determinazione dello stesso anche i risvolti fiscali dell'erogazione.