Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 8 marzo 2019

    Realtà applicativa dell'affidamento materialmente condiviso e mantenimento diretto. Tribunale di Catanzaro, 28 febbraio 2019

    La concreta possibilità che il ddl Pillon possa divenire legge nonchè la valutazione di fonti legislative nazionali ed internazionali, con attenzione anche ai contributi scientifici sulla shared custody, porta il tribunale di merito all'applicazione dell'affidamento materialmente condiviso dei minori ad entrambi i genitori dopo la crisi della famiglia, nel precipuo interesse degli stessi. Così, valutati i presupposti nel caso di specie, a prescindere dalle richieste delle parti di affido materialmente condiviso e dimantenimento diretto, il giudice è portato ad applicare in modo diretto la fattispecie dell'affido condiviso non solo in termini legali ma anche materiali con la presenza del minore nella vita dei genitori e viceversa per un tempo paritetico effettivo, con la conseguente applicazione del mantenimento diretto. Nel caso di specie era presente una omogenea condizione di redditi e i genitori vivevano nella medesima città.