Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 1 marzo 2019

    L'assenza di rapporti sessuali non è causa di addebito se giustificata. Corte di Cassazione, 15 febbraio 2019 n. 4623

    Il marito aveva formulato domanda di separazione con addebito alla moglie, fondata sull'assenza di rapporti sessuali.

    La Corte ritiene che il giudice del merito abbia esaminato il fatto storico concernente il rifiuto della moglie di avere rapporti intimi con il marito, imputandolo ad una malattia documentata, nonché ad un'opprimente atmosfera instaurata in casa dal marito, che non poteva agevolare una normale vita di coppia.

    Anche la doglianza relativa alla congruità dell'assegno di mantenimento è infondata: il giudice di prime cure ha accertato - sulla base della documentazione in atti - una notevole sproporzione tra i redditi del marito e quelli della moglie, in danno di quest'ultima.