Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 15 febbraio 2019

    La richiesta di assegnazione non costituisce domanda giudiziale bensì eccezione. Corte di Cassazione, 6 febbraio 2019 n. 3497

    La richiesta di attribuzione di un immobile indivisibile non ha natura negoziale, costituisce una mera modalità attuativa della divisione e si risolve nella specificazione della pretesa introduttiva del processo volta a porre fine allo stato di comunione, come tale essa è formulabile anche in appello.

    La indivisibilità di un bene non impedisce che si compia la divisione che, pur se non eseguibile in natura, può essere attuata con mezzi indiretti quali il pagamento di conguaglio o la vendita.