Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • giovedì 14 marzo 2019 / venerdì 15 marzo 2019

    sezione di Genova

    The child in international abduction cases

    The child in international abduction cases

    Obiettivo del progetto VOICE è di promuovere una giustizia a misura di minore nelle controversie familiari transfrontaliere e assicurare ai minori l’opportunità di essere ascoltati nei procedimenti civili in materia di sottrazione internazionale e nei procedimenti di mediazione familiare. Il progetto è articolato in diversi “Workpackages”, con il secondo, in particolare, basato su una collezione ed analisi di giurisprudenza in materia di sottrazione internazionale. Il WP2 si concentra sulla giurisprudenza di 16 Stati membri dell’Unione europea, per un totale di 1000 casi analizzati, con riferimento a casi di sottrazione internazionale di minori, allo scopo di scoprire se e come le autorità giurisdizionali interpretano e attribuiscono sostanza al concetto di “interesse superiore del minore”. I dati raccolti sono analizzati ed elaborati in uno studio finale, e sono altresì utilizzati per determinare le esigenze di formazione di giudici, avvocati e altri operatori del diritto.

    Grazie ai risultati della ricerca, il progetto prevede l’organizzazione di due seminari formativi (uno a Anversa, tenutosi a dicembre 2018 e quello di Genova di cui in oggetto), rivolti ai summenzionati operatori del diritto. L'obiettivo è quello di fornire gli strumenti necessari per valutare e perseguire l'interesse superiore del minore, attraverso una approfondita conoscenza del quadro normativo e degli strumenti a disposizione per garantire il rispetto dei diritti fondamentali del minore (primo fra tutti, quello di essere ascoltato nell'ambito del procedimento).

    Partner del progetto sono:

    • Missing Children Europea (MCE), in qualità di Applicant, è l’organizzazione quadro per l’assistenza per bambini scomparsi, composta da oltre 30 associazioni in 25 Stati membri dell’Unione. La missione di MCE è quella di sviluppare effettivi ed olistici sistemi di tutela di minori scomparsi, al fine di proteggerli da qualsiasi rischio di violenza e/o abuso.  Delphine  Moralis e Hilde  Demarré sono esperte nella gestione di progetti co-finanziati dall’Unione europea, Nathalie  Suvée nell’organizzazione di eventi e conferenze su scala europea, e Valentina  Morese  nella gestione finanziaria.
    • L’Università di Anversa (Belgio) vanta numerosi esperti nel campo del diritto di famiglia e dei minori. Tra i membri del team: il prof. Wouter Vandenhole è specializzato in diritti umani ed è titolare della cattedra UNICEF sui diritti dei minori; la prof. Thalia Kruger è specializzata in diritto internazionale privato della famiglia.
    • Center IKO (Olanda) offre informazioni e consulenze a chiunque si trovi coinvolto in una sotrtazione internazionale di minori (compresi professionisti che abbiano la necessità di acquisire ulteriori competenze in materia). I professionisti legali che lavorano per il centro sono altamente specializzati e qualificati nel settore. Martine  Molendijk è esperta nella gestione e nell’implementazione di progetti co-finanziati dall’Unione europea; Marieke Putters ha esperienza nella ricerca nell’ambito di tali progetti. 
    • Child  Focus (Belgio), da oltre 15 anni, si occupa della gestione di casi di sottrazione internazionali, con una media di 250-300 pratiche  all’anno. Nel Broothaerts ha una consolidata esperienza nella gestione e coordinazione di progetti co-finanziati dall’Unione europea.
    • Per l’Università di Ghent (Belgio): i prof. Koen Ponnet e Lieven Demarez sono esperti in scienza della comunicazione, psicologia sociale e psicologia dei media. Sono esperti nella collezione e nell’analisi di dati su larga scala.
    • I Dipartimenti di Giurisprudenza e di Scienze Politiche dell’Università di Genova sono dipartimenti multidisciplinari, con riconosciuta esperienza in sociologia, legge e diritto internazionale e dell’Unione europea, composti da professionisti legali con estese competenze in diritto internazionale della famiglia e protezione dei diritti dei minori. Ilaria Queirolo, Maria Elena de Maestri e Laura Carpaneto possiedono un’esperienza consolidata in materia.
    MiKK (International Family Mediation Specialists) (Germania) è un’organizzazione no-profit con decennale esperienza nell’offire supporto e consulenza gratuita e multi-lingue nell’ambito dei procedimenti di mediazione familiare, con particolare riferimento alle controversie in materia di responsabilità genitoriale, diritto di visita e sottrazione internazionale di minori. L’organizzazione è altresì specializzata nell’organizzazione di corsi di formazione per mediatori in tutta Europa e nel mondo.  Ischtar  Khalaf-Newsome  e  Mary  Carroll possiedono consolidate competenze nell’organizzazione e sviluppo di corsi di formazione e seminari per mediatori.


    modalità di iscrizione

    La registrazione può effettuarsi al presente link:

    Registrazione training VOICE

    L'evento prevede un contributo di partecipazione di 25 Euro, che potrà essere versato in loco o via bonifico all'ente organizzatore, come di seguito:

    Bank:                    ING Belgium, Avenue Marnix, 24, 1000 Brussels - Belgium

    Recipient:           Missing Children Europe

    IBAN:                    BE43 310 165 832 401    
    BIC:                       BBRUBEBB

vedi l'archivio storico