Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdý 11 gennaio 2019

    Anche il contattare sui social la ex dalla quale si aveva l'ordine di stare lontani integra il reato di maltrattamenti in famiglia. Cass. Pen. del 20 dicembre 2018 n. 57870.

    L'imputazione per reato ex art 572 c.p. aveva determinato nei  suoi confronti la misura di divieto di dimora e di avvicinamento alle parti offese, nella specie la ex compagna e la figlia. Dato che l'uomo perpetrava la condotta violenta anche tramite utilizzo di social network infamando la ex e mettendola in condizione di grave disagio, anulla valgono le considerazione dell'uomo di non aver violato alcuna disposizione del tribunale per non aver incontrato la donna. La  Corte di Cassazione secondo cui la trasgressione al divieto di comunicazione con le parti offese, inglobato nel provvedimento di divieto di dimora, autorizza la configurazione di una delle manifestazioni dei maltrattamenti aggravati, potendo la prova di esse desumersi dal complesso degli elementi fattuali altrimenti acquisiti e dalla condotta stessa dell'agente che ha rivolto alle vittime messaggi vocali minacciosi e messaggi dai contenuti infamanti pubblicati su Facebook, conferma la pena custodiale.