Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 4 gennaio 2019

    L'interdizione può essere pronunciata solo in casi residuali. Cass. 22 agosto 2018 n° 20945

    Si pronuncia la Suprema Corte con ordinanza per confermare ancora che l'interdizione e' istituto avente ormai carattere residuale nel nostro diritto, cui puo' ricorrersi in quei casi estremi in cui nessuna altra misura di protezione appaia consona ad assicurare la migliore tutela del destinatario. Il ricorrente adduce una serie di elementi di fatto che avrebbero dovuto fare ritenere inidonea la misura di protezine dell'amminsitrazione di sostegno, ma il vaglio della Corte, che si deve limitare ad un esame di legittimità, ritiene che le motivazioni addotte dalla Corte territoriale fossero scevre da censura che non fosse il alcun modo dimistrata la necessità dell'interdizione per la protezione del soggetto fragile.