Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • giovedì 27 dicembre 2018

    Subisce la decadenza dalla responsabilità genitoriale chi non si adegua alle modalità di frequentazione con i figli per pregiudizio personale e diffidenza. Cass del 14 dicembre 2018 n. 32525.

    Non rilevano l'orgoglio e la diffidenza nei confronti del personale dei servizi sociali o degli esperti se il fine precipuo dei provvedimenti del tribunale è quello di mirare al recupero dei rapporti fra un padre ed una figlia minore. Nel caso di specie però detti stati d'animo, avvallati da comportamenti e dichiarazioni dell'uomo, hanno determinato la decisione di escludere la responsabilità genitoriale dell'uomo poichè molto preoccupato per l'orgoglio ferito e peril disagio di dover incontrare la figlia solo durante incontri protetti.