Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • giovedý 20 dicembre 2018

    Per i trasferimenti immobiliari in sede di negoziazione assistita occorre l'autentica notarile del verbale di accordo. Tribunale di Venezia, 21 novembre 2017

    La certificazione di autenticitÓ delle sottoscrizioni dei coniugi resa dai rispettivi avvocati Ŕ funzionale alla trascrizione dello stesso nell'archivio dello Stato civile e all'annotazione a margine dell'atto di nascita e dell'atto di matrimonio, non invece alla trascrizione dell'accordo nei registri immobiliari. 

    L'equiparazione tra l'accordo di negoziazione assistita e i provvedimenti giurisdizionali di separazione e divorzio prevista dall'art. 6, comma 3, primo periodo, del d.l. n. 132/2014 riguarda solamente i contenuti tipici dei provvedimenti citati; non riguarda, pertanto, quelle pattuizioni che esulano dal contenuto tipico, che certamente le parti possono prevedere a latere e inserire nei verbali d'udienza. 

    Ove i coniugi, dunque, intendano aggiungere delle pattuizioni atipiche, sarÓ necessario rispettare le forme stabilite per tali negozi dalla normativa civilistica, sia ad substantiam, sia ai fini della trascrizione. 

    Di conseguenza, non potrÓ che applicarsi quanto previsto dall'art. 5 del d.l. n. 132/2014 .