Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • giovedì 20 dicembre 2018

    Inammissibile la revoca del consenso dopo la trasmissione dell'accordo di negoziazione al PM. Tribunale di Milano, 18 giugno 2018

    Accordo di negoziazione assistita in materia di separazione dei coniugi con previsione di trasferimento all'estero di un genitore con il figlio.

    Rilievi del PM in ordine alla difficoltà di eseguire l'accordo di negoziazione assistita all'estero. Richiesta del PM  che l'accordo venga integrato con una dichiarazione di consapevolezza delle parti circa la suddetta difficoltà.

    Successiva revoca del consenso da parte del padre.

    Il PM ha quindi trasmesso il fascicolo al Presidente ai sensi dell'art. 6 co. 2 D.L. 132/2014.

    All'udienza fissata le parti ribadivano le opposte istanze: la madre chiedeva la ratifica degli accordi di negoziazione, il padre la revoca del consenso al trasferimento del figlio.

    Per il Tribunale deve considerarsi inammissibile la revoca unilaterale del consenso effettuata dopo la sottoscrizione dell’accordo raggiunto a seguito di convenzione assistita ed espressa dopo la trasmissione dell’accordo medesimo al PM, ma prima della sua autorizzazione.

    L’accordo di negoziazione assistita, infatti, quantomeno dal momento del suo deposito al PM (che è atto formale con cui chiedere la sua autorizzazione) non è più revocabile da una sola delle parti, in quanto si tratta di un atto negoziale integrante un negozio giuridico perfetto e autonomo.