Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • giovedì 6 dicembre 2018

    I limiti all'operare della funzione compensativa e perequativa per l'assegno di divorzio. Tribunale di Bergamo, 13 settembre 2018

    Valutazione composita e comparativa dei parametri di cui all'art 5 comma 6 L. 898/1970.
    La situazione economico-patrimoniale del richiedente l'assegno costituisce il fondamento della valutazione di adeguatezza.
    La tutela perequativa si attua allorché vi sia una sensibile disparità nelle condizioni economico-patrimoniali.
    La richiedente nella fattispecie non deduceva di aver contribuito con il proprio lavoro, anche casalingo, alla formazione del patrimonio mobiliare e immobiliare dell'ex marito, bensì si limitava ad argomentare di disporre di ridotta capacità di autonomia patrimoniale in raffronto a quella dell'ex coniuge. 
    E' vero che l'assegno non riveste una funzione strettamente assistenziale, ma la funzione equilibratrice, perequativa e compensativa viene in rilievo solo ove la disparità economico-patrimoniale dei coniugi trovi la propria causa nelle comuni determinazioni degli stessi nella conduzione della vita familiare, ovvero nel ruolo e nel contributo fornito dal coniuge più debole alla formazione del patrimonio comune e personale dell'altro coniuge.