Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • domenica 2 dicembre 2018

    Reato di appropriazione indebita per la moglie che si rifiuti di riconsegnare al marito gli oggetti personali dello stesso dopo la separazione. Cass. Penale del 22 novembre 2018 n. 52598

    Respinto il ricorso della moglie di un uomo avverso la pronuncia della corte territorale con la quale la stessa veniva considerata rea di appropriazione indebita di beni del marito che non gli aveva voluto restituire e che aveva in corso di causa anche affermato di aver eliminato proprio per evitare che l'uomo ne rientrasse in possesso.
    La querela dell'uomo infatti viene considerata valida anche se dopo oltre due anni dalla separazione poichè viene considerato fatto determinante per il verificarsi della condotta di reato il rifiuto della donna a restituire i beni del marito. Da questa data e non da quella della querela viene considerata integrata la condotta per l'appropriazione indebita. La corte territoriale pertanto ha correttamente inquadrato il caso.