Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 5 ottobre 2018

    L'interesse del minore è sempre volto all'essere riconosciuto dal padre naturale, salvo situazioni che determinerebbero perdita di responsabilità genitoriale. Cass. del 21 Giugno 2018, n. 16356

    Secondo la Corte ai fini dell'ammissibilità dell'azione di accertamento della paternità naturale, la contrarietà all'interesse del minore può sussistere solo in caso di concreto accertamento di una condotta del preteso padre tale da giustificare una dichiarazione di decadenza dalla potestà genitoriale, ovvero di prova dell'esistenza di gravi rischi per l'equilibrio affettivo e psicologico del minore e per la sua collocazione sociale. Il conseguente possibile evento traumatico del minore dovuto al cambiamento di status non può quindi nè deve essere considerato come limite escludente il più ampio interesse dato dal riconoscimento.