Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 14 settembre 2018

    Residenza prevalente e obbligo di dimora, soluzioni di dubbia legittimità. Corte d'Appello di Venezia, 28 luglio 2018

    Nell’ambito di un procedimento di affidamento di figlia minore nata da convivenza di fatto ai sensi dell’art. 337 bis c.c. e ss, introdotto a seguito di ricorso avverso la decisione del Tribunale dei minorenni di Venezia che aveva disposto che la minore rimanesse a Feltre (BL) con il padre dalla domenica sera al giovedi, e gli altri giorni con la madre, la Corte d’Appello di Venezia, discostandosi dalle conclusioni del CTU, dispone il trasferimento della residenza della minore a San Donà (luogo indicato dalla madre).

    Tuttavia la figlia resta col padre in via prevalente, dalla domenica sera al giovedi pomeriggio, ma impone al predetto (la Corte dice potrà e dovrà stare a San Donà in una casa scelta dalla madre di Iris) un vero e proprio obbligo di dimora in casa affittata dalla madre, scelta da lei a San Donà.