Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • giovedì 13 settembre 2018

    Nei giudizi de potestate sussiste sempre conflitto d'interessi minore-genitore che richiede la nomina di un curatore. Cass. 6 marzo 2018 n. 5256

    Ricorso in Cassazione avverso provvedimenti emessi ex artt. 330-336 c.c. - ammissibilità.
    Mancata nomina di difensore e/o curatore del minore - censura fondata.
    L. 149/2001 e Corte Cost. n. 1/2002: i genitori ed il minore sono parti del procedimento, hanno diritto ad averne notizia e a parteciparvi.
    Il contraddittorio deve essere assicurato anche nei confronti del minore.
    La posizione del minore è sempre contrapposta a quella dei genitori nei giudizi sulla responsabilità genitoriale, anche quando il provvedimento sia richiesto nei confronti di uno solo dei genitori.
    Quando il provvedimento è chiesto dal P.M. la sussistenza del conflitto genitori-figlio è certa.