Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 7 settembre 2018

    Indebito arricchimento per la ex che ha goduto liberamente delle migliorie eseguite nel suo appartamento dal compagno padre di suo figlio. Cass. del 31 agosto 2018 n. 21479

    Secondo la corte l'uomo ha diritto anche se sono passati molti anni, a richiedere ed ottenere il rimborso delle spese sostenute per i lavori eseguiti nella casa dell'ex, anche se la relazione è durata poco. Il mancato recupero dell'importo, una volta cessata la convivenza, configura un ingiustificato impoverimento del solvens e un ingiustificato arricchimento dell'accipiens che, quale proprietaria dell'immobile, aveva continuato a fruirne e poteva liberamente disporne.