Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 7 settembre 2018

    Non osta all'interesse del minore che gli accordi fra i genitori vengano rispettati anche attraverso una applicazione su smartphone. Tribunale di Padova, 6 agosto 2018.

    E' accolto l'accordo fra le parti conseguito nelle more di un procedimento instaurato ex art 337 quinques cpc sulle modalità di affidamento del figlio minore della coppia. Le difficoltà sono legate anche al fatto che il padre del bambino vive e lavora all'estero ma gli accordi sono voltati alla condivisione del tempo con il minore e agevolati dalla applicazione 2houses che le parti dichiarano formalmente di voler scaricare ed utilizzare per la gestione delle comunicazioni nell'accordo omologato dal Tribunale di Padova.
    Si ringrazia per la gentile segnalazione la Collega Beatrice Pillan dello Studio CRC lex di Padova.