Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 3 agosto 2018

    In caso di comportamento alienante di un genitore la soluzione più adatta può essere quella di interrompere i rapporti con esso. Trib. Minori Brescia 28 luglio 2018

    Il caso in oggetto merita un’attenta lettura per il caso specifico che viene presentato, nel quale possono essere individuati elementi comuni a molte situazioni conflittuali e di alienazione parentale che si presentano nella pratica della professione. Nella fattispecie, la vicenda prende avvio dal rifiuto della minore di continuare a vivere con la madre sulla base di asserite condotte violente della stessa e con il desiderio di vivere con il padre il quale non aveva più riportato la ragazza a casa dopo un incontro. Solo il tempo e un paziente lavoro dei servizi e del CTU e del TM hanno consentito di comprendere che dietro l’atteggiamento della minore (peraltro già alle scuole medie) vi era una condotta alienante del padre, il quale viene dunque allontanato dalla vita della figlia nonostante i due convivessero.