Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • mercoledý 28 marzo 2018

    La valutazione complessiva degli elementi della fattispecie consente il riconoscimento dell'assegno divorzile. Cass. 23 marzo 2018 n. 7342

    E' nel solco della giurisprudenza della Corte di Cassazione, inaugurata con la sentenza 11504 del 10 maggio 2017, la pronuncia della Corte d'Appello di Genova che conferma l'obbligo del marito di contribuire al mantenimento della ex moglie tenendo conto di una serie di parametri rappresentati da: limitata capacitÓ e possibilitÓ effettiva di lavoro personale e di reddito della beneficiaria, non destinata a incrementarsi in futuro; disponibilitÓ di una casa di abitazione; mancata fruizione di trattamenti pensionistici; venir meno del contributo al mantenimento della figlia ormai autonoma; durata del matrimonio pari a 27 anni.
    A fronte di tali elementi Ŕ stata ritenuta congrua la misura di euro 500 di assegno divorzile, a fronte di un reddito mensile dell'uomo di euro 2.700.