Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • mercoledì 28 marzo 2018

    L'erede pretermesso ha diritto a succedere nella metà dell'asse ereditario. Cass. 22 marzo 2018, n. 7178

    L'erede pretermesso ha diritto alla dichiarazione di nullità del testamento, ai sensi dell’art. 735, comma 1 c.c. e non ai rimedi previsti per la diversa ipotesi di lesione della quota legittima.
    Il legislatore ha distinto le due ipotesi: preterizione, dalla quale consegue l'annullamento della scheda testamentaria, e lesione di legittima, il cui rimedio consta nell'azione di riduzione.
    I giudici di merito avevano inteso conservare validità alle volontà espresse dal de cuius e avevano rigettato la domanda principale di nullità, mentre avevano accolto le domande formulate in via subordinata di riduzione proposte dall’attrice.
    Di diverso avviso il giudice di legittimità: il giudice di appello è incorso nella violazione del primo comma dell'art. 735 c.c., determinando il mancato riconoscimento, in favore della ricorrente principale, del diritto a succedere nella metà (indistinta) dell’intero asse relitto.