Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • venerdì 9 marzo 2018

    Non c'è diritto all'assegno di mantenimento dopo la separazione, se si hanno disponibilità economiche, attività lavorative e giovane età. Cass. ord. 8 marzo 2018 n. 5593

    In considerazione della breve durata del matrimonio e dell'insussistenza di un divario delle condizioni reddituali dei coniugi, tenuto conto che l'uomo pensionato, aveva un reddito di euro 750,00 mensili, era proprietario di un piccolo locale sfitto ed aveva dovuto vendere un immobile per fare fronte a debiti consistenti e viveva in una casa in affitto, la Cassazione ritiene che non vi siano i presuppoti per un assegno di mantenimento dopo la separazioe per la donna. La stessa, molto più giovane del marito, gestiva una lavanderia ed era proprietaria di una villa. Il ricorso di lei viene pertanto dichiarato inammissibile.