Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
giovedì 4 ottobre 2018 - Sono On line i fascicoli 1 e 2 relativi al periodo gennaio-agosto 2018 della rivista dell' Osservatorio. giovedì 4 ottobre 2018 - L’Autorità garante per l'infanzia e l'adolescenza ha presentato la Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori venerdì 9 novembre 2018 - FORUM 2018. La famiglia e i minori alla Corte di Strasburgo. Le tecniche difensive dinnanzi alla CEDU venerdì 7 settembre 2018 - Proroga al 18 settembre per l’iscrizione al secondo corso in diritto di famiglia della Scuola di alta formazione dell’Osservatorio, Scuola Superiore dell’Avvocatura e Università di Roma Tre. Il corso avrà inizio con il modulo del 28 e 29 settembre 2018 martedì 4 settembre 2018 - Proroga dei termini per l'iscrizione del corso biennale - anno accademico 2018 - 2020 - di specializzazione in diritto delle persone, delle relazioni familiari e dei minorenni. venerdì 24 agosto 2018 - Il rapporto di Save the Children sulla condizione dei minori non accompagnati in Italia. Di Valeria Cianciolo venerdì 24 agosto 2018 - Pubblicato indice definitivo della Rivista di Ondif. Anno 2 nn. 1 e 2/18, gennaio-agosto 2018 venerdì 24 agosto 2018 - Il disegno di legge Pillon n. 735 “Norme in materia di affido condiviso, mantenimento diretto e garanzia di bigenitorialità” Breve nota esplicativa di Claudio Cecchella. venerdì 24 agosto 2018 - L’elzeviro dell’Osservatorio di Valeria Cianciolo. martedì 7 agosto 2018 - Lo stato del d.m. sulle specializzazioni e la Scuola di alta formazione di ONDiF.
  • giovedì 6 aprile 2017

    Meglio l'amministratore di sostegno del tutore, anche se il beneficiario è affetto da gravissima disabilità, che non migliorerà nel tempo. Tribunale di Vercelli, decreto di nomina ADS del 28 dicembre 2016.

    La misura dell’amministrazione di sostegno in favore dell’interessato è più confacente al caso di  sia poichè la sentenza di interdizione è stata resa dal Tribunale per i Minorenni, che in quella fase era oramai divenuto incompetente, sia poichè il destinatario della misura di protezione è un soggetto di giovanissima età di cui viene descritta nel provvedimento, in modo dettagliato, la condizione di vita: Il soggetto, neomaggiorenne, è de facto impossidente, fatto salvo quanto percepito a titolo di indennità e pensioni derivanti dalla sua disabilità, ma pur sempre in grado di manifestare, seppur con difficoltà, i propri intendimenti ed i propri desideri ai familiari, e di intrattenere “embrionali” comunicazioni con i terzi.