Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
giovedì 4 ottobre 2018 - Sono On line i fascicoli 1 e 2 relativi al periodo gennaio-agosto 2018 della rivista dell' Osservatorio. giovedì 4 ottobre 2018 - L’Autorità garante per l'infanzia e l'adolescenza ha presentato la Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori venerdì 9 novembre 2018 - FORUM 2018. La famiglia e i minori alla Corte di Strasburgo. Le tecniche difensive dinnanzi alla CEDU venerdì 7 settembre 2018 - Proroga al 18 settembre per l’iscrizione al secondo corso in diritto di famiglia della Scuola di alta formazione dell’Osservatorio, Scuola Superiore dell’Avvocatura e Università di Roma Tre. Il corso avrà inizio con il modulo del 28 e 29 settembre 2018 martedì 4 settembre 2018 - Proroga dei termini per l'iscrizione del corso biennale - anno accademico 2018 - 2020 - di specializzazione in diritto delle persone, delle relazioni familiari e dei minorenni. venerdì 24 agosto 2018 - Il rapporto di Save the Children sulla condizione dei minori non accompagnati in Italia. Di Valeria Cianciolo venerdì 24 agosto 2018 - Pubblicato indice definitivo della Rivista di Ondif. Anno 2 nn. 1 e 2/18, gennaio-agosto 2018 venerdì 24 agosto 2018 - Il disegno di legge Pillon n. 735 “Norme in materia di affido condiviso, mantenimento diretto e garanzia di bigenitorialità” Breve nota esplicativa di Claudio Cecchella. venerdì 24 agosto 2018 - L’elzeviro dell’Osservatorio di Valeria Cianciolo. martedì 7 agosto 2018 - Lo stato del d.m. sulle specializzazioni e la Scuola di alta formazione di ONDiF.
  • giovedì 26 gennaio 2017

    La madre minorenne non può essere privata del suo bambino, se dimostra volontà di maturare e crescere nell'interesse del piccolo. Cass. sent.n° 1932 del 25 gennaio 2017

    La valutazione dello stato di adottabilità di un minore deve prescindere da transitorie e temporanee valutazioni degli aspetti caratteriali della madre ma consistere nella ricerca dei reali elementi che escludono la capacità del genitore di occuparsi del figlio in modo adulto e consapevole.

    Viene pertanto accolto il ricorso di un a donna, minorenne al momento del parto, che era stata dichiarata inidonea ad allevare il proprio figlio per comportamenti tenuti in passato, come la fuga dalla struttura di accoglienza in cui era ospite, le frequentazioni sentimentali con soggetti violenti e gli atteggiamenti di sfida verso l'autorità, forse anche dovuti alla scarsa maturità dell'epoca.

    LA donna cresciuta e maturata, stava invece dando prova di aver la possibilità di maturare in tempi "compatibili" con la crescita del bambino, pertanto, le motivazioni sulla base delle quali era stata pronunciato lo di stato di abbandono e di adottabilità del minore erano venute meno.