I social network amplificano le violazioni dei doveri coniugali. Tribunale di Prato, 28 ottobre 2016

I social network amplificano le violazioni dei doveri coniugali. Tribunale di Prato, 28 ottobre 2016

venerdì, 25 novembre 2016
Giurisprudenza | Addebito della separazione | Merito
Tribunale di Prato, sentenza 28 ottobre 2016 per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Separazione personale con richiesta di addebito.Una madre tiene comportamenti anomali ed inadeguati, pubblica su Facebook fotografie proprie e della figlia inopportune e rappresentanti un pessimo esempio educativo, ostentando una relazione extraconiugale, si appropria di somme presenti sul conto corrente comune, si disinteressa delle esigenze della famiglia, ponendo in essere condotte da cleptomane.Il Tribunale di Prato ritiene provata la domanda di addebito: le condotte poste in essere dalla moglie vanno considerate la causa dell'irreversibile crisi coniugale. Ella si era comportata in modo discutibile, rendendo pubblica, tramite i social network, la propria relazione adulterina e fornendo alla figlia un pessimo esempio coinvolgendola in fotografie inopportune e trattandola più come una compagna di avventure. 

Focus on