Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • giovedì 8 settembre 2016

    Riconosciuto alla figlia il risarcimento per danno morale ed esistenziale patito, a fronte del falso riconoscimento da parte del padre. Tribunale di Milano, sent. 27 aprile 2016.

    Un uomo a causa delle pressanti richieste della compagna, ne riconosce legalmente la figlia, pur sapendo di non esserne il padre.
    Progressivamente i rapporti con la minore si fanno solo formali e trascorsi oltre 20 anni, lo stesso agisce per il disconoscimento della ragazza.

    La ragazza agisce in giudizio per richiedere i danni subiti dal comportamento dell'uomo, danni patito a causa del comportamento dell'attore, il quale si era spogliato dei doveri genitoriali, privando improvvisamente la figlia dell'affetto e della presenza paterna.

    Il Tribunale ritiene sussistano nella fattispecie tutti gli elementi propri della responsabilità aquiliana: il fatto ingiusto (non jure), il danno, il nesso di causa tra gli stessi, l'elemento soggettivo. La complessiva condotta dell'uomo, infatti, pur configurando l'azione ex art. 263 c.c. l'esercizio di un diritto, non può ritenersi giustificata da un apprezzabile interesse (non jure) o, quantomeno, l'interesse perseguito dall'attore recede, nell'ambito di una valutazione comparativa, rispetto al contrapposto interesse della figlia alla conservazione della propria identità personale e del proprio status. Si determina così un danno ingiusto, risarcibile secondo i consolidati principi in tema di responsabilità aquiliana, in quanto lede degli interessi meritevoli di primaria tutela e di valore preminente rispetto all'interesse alla riaffermazione del principio di verità biologica.

    L'uomo sarà costretto a risarcire alla figlia disconosciuta il danno non patrimoniale subito, liquidato in € 40.000,00 oltre interessi legali.